Piattaforme di trading per fare investimenti e guadagnare col trading online

Visite: 516

La scelta della piattaforme di trading dipende dal tipo di servizi che volete e che grado di preparazione sull’Analisi Tecnica avete. Potete scegliere fra piattaforme di proprietà delle banche che hanno un servizio web, adatte a coloro che hanno un conto corrente bancario o di deposito.

In Italia già da tempo gli Istituti Bancari classici, compreso Poste Italiane, offrono una piattaforma con un servizio essenziale per operare. Se si vuole operare a livello professionale, le banche online che offrono servizi più specializzati e classici, bisogna rivolgersi a: Fineco, IW Bank, Webank e Banca Sella-Sella.it.

Directa

Molti trader italiani si rivolgono a una società di Intermediazione Mobiliare costituita a Torino nel 1995: Directa, il primo broker italiano e tra i primi al mondo, che tramite la sua piattaforma, consente agli investitori di fare compra/vendita di azioni online con esecuzione immediata degli ordini.

Definizione di Trading online e Broker

Esiste un vero e proprio linguaggio economico. Trading online equivale a fare compra/vendita di azioni, valute, materie prime, obbligazioni, praticamente qualsiasi strumento finanziario, tramite la Rete Internet tramite Pc o dispositivi mobili.

Il broker è un intermediario finanziario autorizzato, con il quale il trader, cioè l’investitore indipendente, negozia e con il quale per poter negoziare deve sottoscrivere un contratto, sempre tramite internet, al fine di ricevere la password di accesso alla piattaforma che gli permetterà di fare trading online.

Dopo aver ricevuto la password, presso un conto di servizio, si possono depositare i titoli o il denaro. Il broker per ogni negoziazione che l’investitore farà percepisce come compenso una commissione. Fare trading vincente vuol dire: contrattare con il broker una operazione di acquisto o di vendita, la quantità che si vuole comprare o vendere e in quanto tempo.

Commissioni da pagare alle piattaforme di trading online

I servizi che offrono i broker hanno un costo, mettere in piedi una piattaforma con tutti i servizi annessi, comporta investimenti non indifferenti, quindi non può essere gratuito. Come tutte le cose, sta a noi come consumatori di servizi, valutare la concorrenza, i prezzi bassi piacciono a tutti, ma quanti con i prezzi bassi hanno ricevuto servizi alti? Il discorso è vecchio come il mondo: tanto mi dai e tanto ti do.

Comunque non per questo non bisogna cercare di risparmiare sulle commissioni e sui costi. I broker delle piattaforme, percepiscono commissioni fisse che possono essere di 2 o 3 euro e possono arrivare a 15 euro per eseguito, la somma dipende da tipo di attività che si fa, dal tipo dei mercati e delle piattaforme che vengono usate.

Oltre alle commissioni fisse, possono esserci quelle di tipo variabile, in base al volume delle transazioni. Ad esempio un buon sistema per risparmiare è decidere quali tipi di commissione scegliere, difatti quelle variabili convengono a coloro che muovono grandi volumi. Per questo motivo, i trader professionisti le preferiscono. Oppure si può avere un canone mensile, che permette di rientrare dalle spese a seconda di quanti eseguiti si sono fatti. Alcuni broker con 20 o 30 eseguiti fatti in un mese, di trading, offrono la piattaforma gratis.

Le migliori piattaforme di trading online

Esistono migliori piattaforme di altre, non tutte offrono i stessi servizi o sono all’avanguardia in quanto a tecnologia, per avere piattaforme competitive, bisogna investire in software professionali e ad alti livelli tecnologici. Velocità di connessione e di risposta in qualsiasi momento.

Non sarò io a dirvi quali sono le migliori piattaforme di trading, posso dirvi come fare a trovarle, sentire le opinioni di altri trader innanzitutto, e poi provarle, non tutte rispondono ai requisiti richiesti.

Può cambiare l’aspetto grafico, la usabilità, ma non è solo quello che conta. Dopo l’scrizione e l’apertura del conto, dal proprio computer (sono universali, compatibili con tutti i sistemi operativi), senza dover installare software specifici, si può accedere con i propri dati di accesso compresa la password, alla piattaforma.

Investimenti trading

L’investitore che svolge le operazioni online in gergo si chiama trader, ossia chi fa trading. È nata così una nuova professione: il trader privato. L’investitore che ha a sua disposizione gli stessi strumenti delle stesse informazioni dei trader delle grandi sale operative e prova a guadagnare sui mercati finanziari.

Molte persone sono interessate a questo nuovo modo di fare investimenti, e sicuramente si saranno chiesti come fare trading online e cosa devono sapere per farlo in modo sicuro e specialmente quali sono le tecniche operative e quali strumenti usare per guadagnare.

Non è un gioco, si sta davanti a uno schermo che però non è un video games, è molto più serio di quanto si pensi e non è esente da rischi economici. Si devono rispettare dei principi che il trader deve sempre tenere in mente.

Prima cosa bisogna essere sempre concentrati e avere le idee chiare, senza farsi influenzare da nessuno, non agire per sentito dire, per fare trading online bisogna avere un adeguato grado di competenza dei mercati azionari, valutari e per tutte le forme di investimento. Bisogna ottenere risultati stabili costantemente, studiare i grafici e seguire la tendenza dei prezzi, solo cosi si può capire la futura direzione del mercato.

Nulla è prevedibile, agire convinti in base alle proprie conoscenze, non fate trading se non siete preparati perché nulla succede a caso, non si tratta di essere fortunati, non è il superenalotto. Dal terminale devono venire soltanto segnali che poi devono essere confermati, e la conferma arriva da strumenti non proprio facili da usare e interpretare.

Conoscere gli strumenti giusti

Questi segnali possono essere dati dalla rottura di una trendline, e da strumenti come gli indicatori, oscillatori e dai grafici che vanno interpretati in modo scientifico. Sono molti i termini che ai principianti risultano incomprensibili e sconosciuti. Per questo motivo, ritengo indispensabile prima di passare alla pratica, un intenso periodo di studio approfondito della materia.

Conoscere l’Analisi Tecnica Base e Avanzata

A chi si è posta la domanda come fare trading on-line la mia risposta è questa: migliorare le proprie tecniche operative dopo aver studiato almeno l’Analisi tecnica Base per poi passare all’Analisi Tecnica Avanzata almeno da riconoscere le varie configurazioni grafiche e rispettare questi 4 concetti fondamentali:

  • Conoscenza dell’Analisi tecnica Base e Avanzata
  • Essere dotati di una ferrea disciplina
  • Sperimentare e fare pratica con conti demo senza deposito gratis con denaro virtuale prima di passare a operazioni vere.
  • Essere positivi

Come fare trading libri

Consiglio di leggere molti libri sull’argomento, ne sono stati scritti e pubblicate molti. Si possono anche acquistare su Amazon ne troverete tanti e anche molto interessanti con spiegazioni molto utili per i principianti e non.

Conoscere i Mercati Finanziari

Di grande importanza per continuare la fase di studio è conoscere i Mercati Finanziari e la loro evoluzione, altrimenti non si va da nessuna parte. Un discorso a parte merita il Trading Forex, il più grande mercato finanziario del mondo per quel che riguarda la liquidità, con scambi di valute che avvengono tra le più grandi banche del mondo, speculatori valutari, governi, nazioni e i grandi colossi delle multinazionali. Nel mercato del Forex ogni giorno si raggiungono cifre astronomiche di transazioni con tetti di oltre 4000 miliardi di dollari.

Oltre al mercato del Forex del quale parleremo in altri articoli, per operare senza timori si deve conoscere il Mercato Azionario, delle Commodity dei Future, delle Opzioni Binarie. Grande importanza riscuote anche il mercato delle materie prime, semilavorati, prodotti finiti.

Dati Macroeconomici

I dati macroeconomici indicano le attività economiche generali dei singoli stati in tutto il mondo e in base a determinati fattori condizionano il comportamento delle diverse valute. Sono in pratica degli indicatori di fiducia si riferiscono al tasso di inflazione, alla disoccupazione, ai vari settori industriali, ai servizi, al mercato immobiliare e quello del lavoro. I trader professionisti prima di operare sui mercati internazionali o nazionali consultano on-line i dati macroeconomici.

Cosa serve per fare investimenti trading

A livello pratico servono poche cose ed è molto semplice. Grazie ad Internet ci si può collegare, con un Pc o un notebook, dopo aver scaricato un software fornito dal Broker che vi mette a disposizione la piattaforma e si può cominciare ad operare.

Per iniziare bisogna stipulare un contratto con il broker. Al momento dell’iscrizione in quasi tutte le piattaforme vengono offerte somme di denaro che si possono aggirare dai € 25 € 100 chiamate bonus di entrata, non sono altro che conti demo senza deposito per fare trading gratis per un dato periodo di tempo, con i quali si può operare senza perdere nulla soltanto a scopo dimostrativo e istruttivo e fare Paper Tradig. Poi quando avrete messo in pratica tutto quello che è scritto sopra, potrete aprire un conto vero e potrete operare con denaro vero.

Guadagnare col trading online

Avere un lavoro di questi tempi è molto difficile: chiunque prima di trovarne uno è costretto alla trafila classica, ossia al mandare centinaia di curricula ovunque. Generalmente il primo step si fa per tutte quelle aziende che sono inerenti al nostro percorso di studi. Dopo un po’ si allarga il cerchio anche a quelle aziende che non incarnano esattamente il nostro obiettivo, ma per amore del lavoro si fa questo ed altro.

Studiare per fare Trading online

Infine si passa a quelle offerte di lavoro che “Ma sì, perché no?”, buttandosi un po’ nella mischia. Sono lavori che non sono consoni a quello che siamo e che abbiamo fatto in precedenza ma magari ci stuzzicano per qualche motivo in particolare e allora decidiamo di buttarci. E poi ci sono quei lavori che ognuno di noi fa in quanto “disperato”: attenzione, ciò non vuol dire che non siano lavori all’altezza, vuol dire solo che sono totalmente estranei alle nostre corde.

Dopo mesi e mesi di disperazione e di attesa di una risposta, una qualunque, anche un “no grazie” abbiamo due possibilità: o ci ritroviamo con un buon lavoro, che abbia dei buoni punti di forza, qualcosa che ci appassiona altri aspetti un po’ meno affascinanti, ma è normale all’inizio, dalla gavetta bisogna pur passarci, e che abbia una retribuzione decente (eh si ragazzi non aspettatevi di meglio), oppure l’altra ipotesi è quella in cui il lavoro è sottopagato, ma magari può avere una fortuna: non vi occupa tutta la giornata. Cosa si fa in questo caso?

Trading online la nuova maniera per investire e guadagnare

Il trading online è un ottimo modo per sfruttare in modo remunerativo il vostro tempo libero ed arrotondare un po’ quella miseria che il vostro datore di lavoro vi rifila a fine mese. Per fare trading online occorre una certa conoscenza del mercato e dell’economia.

Attenzione non è fondamentale: il meccanismo è semplice ed è davvero alla portata di tutti, ma i rischi ci sono e allora chiedetevi se è meglio affrontare il mare aperto con un navigatore esperto o con solo una vela bianca.

Detto ciò, il fatto di saperne di mercato, indici, borsa ed economia non vi rende certo dei traders esperti: per questo ci sono moltissime piattaforme di brokeraggio come fxgm che offrono corsi totalmente gratuiti, presentando una vera e propria sezione didattica. Altri hanno dei forum in cui è possibile chattare e chiedere consigli in merito a le operazioni o gli investimenti che volete effettuare. Insomma, non andate allo sbaraglio ma affidatevi agli esperti, e iniziate a guadagnare col trading usando la testa.

Nuovi Articoli

  • Forex
    18 Apr
    Una delle tecniche di trading forex più usate per entrare a mercato, che sta all’interno di una tendenza rialzista ben definita, è quella di attendere una correzione. Quando la correzione si è... Leggi Tutto
  • Strumenti
    05 Apr
    L’Intraday Intensity è un indicatore, che misura i volumi in funzione della posizione della chiusura all’interno della variazione fra il minimo e il massimo della seduta. È stato sviluppato da... Leggi Tutto
  • Strumenti
    02 Apr
    Nel trading l’indicatore dei volumi è un contatore che viene azzerato ad ogni inizio di seduta che si incrementa in modo cumulativo con il numero di titoli scambiati in ogni transazione. La somma... Leggi Tutto
  • Investimenti finanziari
    24 Mar
    Si può fare trading con i bitcoin, utilizzando i derivati o piattaforme autorizzate Consob come Etoro. Operare con il trading bitcoin con piattaforme che quotano derivati sui bitcoin, come contratti... Leggi Tutto